Questa pagina del blog risale al lontano 2006. Se desideri ottenere informazioni sugli eventi più recenti (reading dei miei romanzi, spettacoli…), puoi spostarti qui.

Foto di Herbert Frank

Ravenna Festival
Nell’ambito delle Mozartiadi

Nannerl ci insegna ad amare la musica
articolo di Nevio Galeati
dal Resto del Carlino

Ancora due appuntamenti, oggi, con le Mozartiadi di Ravenna Festival. […] Alle 22 ci si sposterà nel cuore del centro, in Corte Cavour, per l’incontro con la scrittrice Rita Charbonnier e il suo romanzo La sorella di Mozart, Corbaccio editore. A seguire, strumentisti dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini [Stefano Rimoldi e Federico Galieni al violino, Daniele Fiori al violoncello] eseguiranno note brillanti e rococò di Luigi Boccherini. […]

Rita Charbonnier, com’è arrivata a Nannerl Mozart?

“Una prima volta me ne parlò mia sorella, con un intento quasi femminista… Anni dopo, stavo scrivendo un articolo sulle donne che fanno mestieri ‘da uomo’ e trovai il saggio Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf, concepito anche come risposta a quanti sostenevano l’inferiorità intellettuale delle donne. E leggere cosa sarebbe successo se Shakespeare avesse avuto una sorella geniale quanto lui, mi ha acceso un flash: Mozart aveva avuto davvero una sorella geniale. Ma non ne sapevo nulla. Perché non lavorare attorno a questo tema?” […]

Come definirebbe il suo lavoro?

“Un romanzo storico, con intenti divulgativi. Avevo bisogno di raccontare questa vicenda, il dolore e la fatica di esprimere il proprio talento in un periodo in cui per le donne non era possibile. Poi è stata l’occasione per parlare di Mozart e della sua musica. E se anche una sola persona, leggendo il libro, si appassionerà alla musica, ecco, vorrà dire che sono riuscita nel mio intento…”


Se desideri proseguire la lettura, puoi visualizzare o scaricare l’intero articolo (Pdf — 262 KB).


2 commenti a: «La sorella di Mozart» a Ravenna – 24 giugno 2006

  1. Mi piace quella foto della Virginia Woolf. Complimenti per il blog, è interessante, ma sopratutto è molto curato nelle immagini e bello da vedere.

Vuoi dire la tua sull'argomento?