Sabato scorso, a Roma, sono andata a vedere la mostra su Cleopatra presso il Chiostro del Bramante – che a mio avviso merita una visita, anche più di quella su Augusto presso le Scuderie del Quirinale, tanto pubblicizzata (e il Chiostro del Bramante merita una visita a prescindere). Così, mentre vagavo tra sfingi e teste di marmo, mi sono ricordata di questo piccolo “numero” che interpretavo in una commedia musicale, un po’ di tempo fa.

Ecco quindi un altro piccolo Amarcord teatrale, digitalizzato e messo online (altri nei post contrassegnati con la tag Teatro). Questo il link diretto al video su Youtube, per chi riceve i post via email e se qualcosa nell’incorporamento non dovesse funzionare. Buon divertimento 🙂

2 commenti a: Ah, come siamo egizian!

  1. Certo dà da pensare che Roma dedichi contemporaneamente due mostre ad Ottaviano Augusto, carnefice, e Cleopatra VII Filopatore, vittima con il figlio Tolomeo XI/Cesarione, figlio di Gaio Giulio Cesare, della realpolitik del primo imperatore.

Vuoi dire la tua sull'argomento?