Cambiare_300Alcuni mesi fa avevo dato notizia di un concorso letterario per racconti brevi, sul tema del cambiamento. In palio c’erano buoni per acquistare libri di ogni genere, a testimonianza del fatto che quella di scrivere senza leggere non è mai una buona idea… inoltre, i racconti di maggior valore sarebbero stati pubblicati in una raccolta, nella forma dell’eBook.

I vincitori sono stati proclamati, il libro elettronico è uscito alcuni giorni fa e su Amazon ha rapidamente conquistato un’ottima posizione nella classifica dei libri di racconti più venduti. Merito dell’interessante argomento? Merito della bella copertina di Valentina Marinacci? Merito del prezzo di vendita accessibile? Comunque sia, è una soddisfazione per tutti, e soprattutto per gli autori dei racconti.

Una di loro è stata intervistata in proposito su Sanremo News; della raccolta si è parlato, oltre che sul sito di Scrittura a tutto tondo (che ha realizzato il libro elettronico, in una forma elegante ed essenziale, ma “ipertestuale” e facilmente navigabile), sul magazine online Pronews.it, dalla cui redazione — e in particolare dalla giornalista Mariangela Celiberti, anche curatrice della pubblicazione — è scaturita l’iniziativa del concorso.

Ho chiesto a Mariangela di raccontare ai lettori di Non solo Mozart come è nata la sua idea, quali obiettivi si prefiggesse nel metterla in pratica, e se senta di averli raggiunti. Ecco il testo che mi ha inviato. In conclusione, vi invito a leggere con noi questi bei racconti… e a mettere in atto cambiamenti positivi nella vostra vita!


Adoro leggere, fin da piccolissima. Questa passione mi ha accompagnato nel mio percorso scolastico, personale e professionale: c’è sempre stato un libro a farmi compagnia in viaggio, ad aiutarmi a non avvertire il peso del tempo durante un’attesa, a risolvere una grigia serata svogliata.

Romanzi, testi universitari, saggi, libri di ogni tipo mi hanno seguita nei cambiamenti che la vita mi ha riservato: chiusi dentro grossi scatoloni, in attesa di occupare il posto forse nella stessa libreria, ma sicuramente in un’altra casa, in un’altra città. Oppure raccolti in un e-book reader che riusciva a trovare posto anche nella borsa meno capiente.

È facile spiegare perché io abbia scelto proprio il tema del cambiamento e deciso di dedicarmi a un concorso letterario: il mio amore per la letteratura si è legato agli ultimi tre anni della mia vita in cui di cambiamenti ne ho incontrati moltissimi, più che in precedenza. Non solo in ambito personale: lavorando come giornalista, soprattutto nel sociale e nel campo dell’innovazione, ne riconosco l’enorme importanza. Spesso è necessario modificare la propria visione del mondo per riuscire a percorrere nuove strade, per affrontare una realtà che, per innumerevoli ragioni e avvenimenti, è ormai diversa da quella che avevamo conosciuto fino a un momento prima.

Da sostenitrice del cambiamento, insieme a tutta la redazione del magazine ProNews che ha dato vita all’omonima Associazione e con cui ho promosso il concorso letterario, non posso che essere soddisfatta e orgogliosa dell’antologia “Cambiare”. Al suo interno ci sono dolore e felicità, disillusione e rinascita, consapevolezza ed entusiasmo ma soprattutto ci sono storie che si leggono con il cuore e con la mente. Imparare dal cambiamento per costruire o ricostruire: anche nell’istante più difficile, nel risvolto più negativo, nel rimpianto più doloroso. I protagonisti di queste pagine siamo tutti noi: ciò che siamo stati, che saremo e che potremmo essere.

Mariangela Celiberti
Curatrice della raccolta e ideatrice del concorso “Raccontare il cambiamento”






Vuoi dire la tua sull'argomento?