La strana giornata di Alexandre Dumas

La strana giornata di Alexandre Dumas

Parigi, 1843. Per il giovane Alexandre Dumas sarebbe una giornata come tutte le altre, ma una bizzarra vecchia di nome Maria Stella gli propone di fargli l’oroscopo per l’anno a venire, e lui è intrigato. Gli piacerebbe parecchio sapere se il futuro gli riserva il successo che desidera: è un affermato autore di teatro, ma sogna di scrivere romanzi che gli diano la fama vera, quella che dura nel tempo.

Purtroppo per lui, l’astrologa ha tutt’altro per la mente. E non è nemmeno una vera astrologa. È solo un’anziana signora che ha subito un torto molti anni prima: la sua vita è stata scambiata con quella di un altro, la sua identità è stata rubata. Ora Maria Stella vuole che il mondo lo sappia e ha bisogno di un autore di talento, capace di trasformare in capolavoro ogni storia che gli venga raccontata: ha bisogno che Alexandre Dumas scriva un libro su di lei.

Sequestrato e coccolato dall’eccentrica donna per un’intera giornata, lo scrittore si ritrova ad ascoltare una vicenda di neonati scambiati, di segreti e di complotti, di nobildonne che non sanno di esserlo e di uomini di vile condizione che diventano re, sapendolo benissimo. È una storia da romanzo, in effetti. Gli ingredienti del feuilleton ci sono tutti. Forse è proprio la storia che Dumas aspettava, quella in grado di dargli la gloria planetaria e la fama eterna… la scriverà?

In un affascinante romanzo, illuminato dalla figura sagace del grande narratore ottocentesco, la storia vera di una donna straordinaria che lottò tutta la vita per ottenere il riconoscimento della propria identità.